Qual è lerosione della ghiandola prostatica

Miele con acqua la mattina di prostatite

Si invita a segnalare errori e inesattezze ai riferimenti email sopra citati. Hackmed non. Quest'opera stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2. Tutte le tecniche di imaging che verranno discusse in questi appunti si Qual è lerosione della ghiandola prostatica sullutilizzo dei raggi X, o di altri tipi di radiazioni elettromagnetiche.

In questa parte introduttiva Qual è lerosione della ghiandola prostatica la fisica dei raggi, in quanto parte Qual è lerosione della ghiandola prostatica programma di fisica sanitaria. I raggi incidono sui tessuti irraggiati come un fascio conico di fotoni, detto fascio incidente, che segue quindi tre leggi fondamentali: Si attenua di intensit con il quadrato della distanza: per cui, allaumentare della distanza diviene necessario aumentare la dose di esposizione.

Si allarga con la distanza, e quindi i raggi aumentano langolo di incidenza diventando sempre pi obliqui ai margini del cono di irraggiamento. Di conseguenza, le immagini radiologiche sono ingrandite rispetto alla realt. Mantiene un flusso constante: infatti man mano che ci si allontana dalla sorgente Qual è lerosione della ghiandola prostatica emissione, si ha che la densit di fotoni diminuisce, ma Qual è lerosione della ghiandola prostatica sezione del fascio aumenta.

Per cui, viene considerato omogeneo, e quindi ideale per essere modificato dallattraversamento delloggetto esposto e quindi analizzato. Loggetto esposto formato da vari piani sovrapposti, allinterno dei quali vi sono diversi tessuti ognuno con le sue caratteristiche di assorbimento fotonico. I parametri che definiscono la quantit di assorbimento di una sostanza sono il numero atomico medio di essa e la sua densit elettronica. Il fascio emergente viene quindi privato di fotoni a seconda della capacit di assorbimento dei tessuti attraversati, e quindi viene ad essere disomogeneo o modulato.

In realt non tutti i fotoni incidenti vengono assorbiti e quindi eliminati dal fascio emergenti, ma alcuni vengono deviati andando a confondere limmagine emergente, e devono essere filtrati con apposite tecniche. Una volta ottenuto il fasci emergente, esso deve essere reso visibile i raggi X non sono visibili. Tutta la radiologia si basa sulle diverse tecniche di rendere visibile in maniera pi dettagliata possibile questo raggio emergente. Uno schermo fluorescente una lastra di plastica sulla quale Qual è lerosione della ghiandola prostatica il fosforo, a sua volta ricoperto da un vetro al piombo che protegge losservatore dai raggi X.

I raggi X del fascio emergente proiettano cos una immagine identica alla proiezione del fascio sullo schermo. Limmagine che si forma comunque molto tenue, deve essere guardata al buio. Esiste anche una cos detta radioscopia con intensificatore di luminosit, in cui allo schermo fluorescente primario quello colpito dai raggi X associato un sistema che proietta su uno schermo fluorescente secondario un elettrone per ogni fotone che riceve.

In questo modo si amplifica la luminosit del segnale di volte. Limmagine viene poi trasmessa su uno schermo TV. La dose di radiazione per loperatore minore, e anche per il paziente visto che la luminosit aumentata.

La visione agevole e la risoluzione migliore, inoltre possibile riprendere le immagini con videocamera e anche scattare foto istantanee. La lastra composta da granuli di bromuro dargento dispersi in una matrice di gelatina animale. Il bromuro dargento si decompone sotto leffetto dei raggi, e si libera argento nelle zone esposte. Oggi si utilizzano lastre speciali, che hanno anteriormente e posteriormente degli schermi fluorescenti che amplificano leffetto dei raggi X sulla lastra, rendendo minore la dose necessaria, e aumentano contemporaneamente la risoluzione ossisolfuro di gadolinio.

Successivamente la lastra viene sviluppata. La riproduzione tonale della radiografia inversa a quella della radioscopia: qui i raggi X che passano anneriscono la pellicola, l i raggi X che passano liberano fotoni visibili. La scala quindi: Aria nero Adipe grigio Parenchima grigio chiaro Osso grigio molto chiaro Metallo bianco Queste tecniche sono semplici e poco costose, utilissime per operazioni di screening.

Il principale difetto per la risoluzione, specialmente delle strutture adiacenti a basso contrasto, che le rende di gran lunga inferiori alla tomografia computerizzata. Alcuni fattori influenzano la qualit dellimmagine radiografica: Macchia focale del tubo a raggi X: minimo 0,3 X 0,3 mm 0,1 X 0,1 mm nei modelli sperimentali Distanza focale Tempo di esposizione Diaframma del raggio incidente Presenza di una griglia antidiffusione che cattura i fotoni riflessi dalle strutture Proiezioniinradiologia Esistono fondamentalmente tre piani da cui si osserva il corpo umano: Piano sagittale Piano frontale Piano trasversale Le proiezioni si riferiscono alla direzione lungo la quale provengono i raggi: per cui si parla di Proiezione sagittale: i raggi provengono da davanti, il fascio sul piano sagittale.

Si ottengono una serie di immagini sul piano frontale. Proiezione latero laterale: i raggi vengono di lato, si ottengono Qual è lerosione della ghiandola prostatica serie di immagini sagittali Proiezione assiale: i raggi provengono da sopra o da sotto, e si ottengono una serie di immagini sul piano trasversale.

La lastra bidimensionale, e contiene la proiezione bidimensionale di tutte le strutture tridimensionali attraversate ossia la sommazione di tutti i piani. Questo provoca delle interferenze notevoli fra le immagini; inoltre si ha una deformazione proiettiva che tanto maggiore quanto maggiore linclinazione del fascio incidente.

E importante anche sapere che le immagini pi lontane dalla sorgente di raggi sono pi ingrandite e pi deformate. Ad esempio, il torace viene fatto Qual è lerosione della ghiandola prostatica in proiezione sagittale postero anteriore, allo scopo di separare i campi dei due polmoni e di avvicinare il cuore alla sorgente onde evitare la sua deformazione. Il principio su cui si basa la tecnica che quelle strutture che si muovono durante lirradiazione tendono a perdere di nitidezza e alla fine scompaiono; movendo il tubo radiogeno, la TC provoca la cancellazione delle strutture che non interessano.

Questo avviene facendo compiere alla cassetta radiogena e al tessuto da irraggiare dei movimenti contemporanei, vincolati, che fanno si di mantenere sempre nella stessa posizione reciproca i tessuti da osservare e la fonte di raggi, mentre gli altri tessuti si muovono invece rispetto allemittente.

Ad esempio, se voglio osservare una zona al centro del torace, devo far ruotare il paziente sullasse che passa per quella zona, in modo che essa sia ferma. Questo permette di esplorare distretti e strutture che non possono essere dimostrati allindagine radiografica, fornendo precisazioni istologiche notevolmente definite.

Di solito prima di fare la TC si effettuano Qual è lerosione della ghiandola prostatica lastre in proiezioni fra loro ortogonali, che permettono di identificare la zona di intervento da indagare.

Per la risoluzione dei tessuti vicini a basso contrasto scarsa, e limmagine, che comunque avviene in movimento, sempre un po sfumata. La dose di radiazioni da somministrare al paziente resta alta. Questo da solo importantissimo soprattutto per ossa, mammella, fegato e mediastinoma spesso pu essere insufficiente per alcune situazioni. Lutilizzo di una sostanza che, introdotta in maniera appropriata nellorganismo, vada ad aumentare la densit elettronica e quindi il contrasto selettivamente delle strutture che interessano offre enormi e ovvi vantaggi, sia per la possibilit di osservare organi Qual è lerosione della ghiandola prostatica tutto o quasi inesplorabili direttamente come lapparato digerentesia per evidenziare la presenza di anomalie o lesioni che prendono selettivamente il mezzo di contrasto certe neoplasie.

Il mezzo di contrasto caratteristicamente distinto in: Trasparente: serve a diminuire la densit elettronica del tessuto da studiare. Si tratta in genere di gas respiratori, del tutto privi di effetti collaterali CO2, N2O, O2o anche di aria filtrata.

Opaco: serve ad aumentare la densit elettronica del tessuto. I mezzi opachi sono moltissimi, a seconda delluso che se ne deve fare: Per lapparato digerente: si usa il solfato di bario in sospensione acquosa.

Non assorbito dalle mucose digestive e transita liberamente fino allespulsione con le feci. Se si disperde nel peritoneo estremamente irritante, ma questo molto difficile; se ne evita per luso in caso di occlusione intestinale.

E si Qual è lerosione della ghiandola prostatica a mezzo di contrasto iodato solubile. Uroangiografia: si usano mezzi di contrasto iodati solubili in acqua, che si iniettano per via endovenosa e raggiungono i comparti urinari perch subiscono la filtrazione glomerulare.

Lo iodio assorbe i fotoni e funziona da contrasto. Possono essere usati per via venosa, arteriosa, per clisma o per via orale per visualizzare lintestino al posto del barioed Qual è lerosione della ghiandola prostatica introdotti direttamente ovunque, come in visceri cavi. Sono per molto attivi osmolarmente, e possono provocare danni agli endoteli, permeabilizzazione capillare e turbe emodinamiche importanti.

Questo viene diminuito dalluso di mezzo di contrasto non ionico, che meno attivo, importante soprattutto per luso nel SNC dove la variazione osmolare molto mal tollerata ha un Qual è lerosione della ghiandola prostatica comunque di circa 10 volte rispetto al mezzo Qual è lerosione della ghiandola prostatica contrasto normale.

Per uso colangiografico vi sono particolari mezzo di contrasto iodati solubili, studiati apposta per avere una tollerabilit e una buona cinetica di escrezione biliare. Hanno infatti Qual è lerosione della ghiandola prostatica anelli benzenici con la posizione 5 libera, sulla quale viene a legarsi o lalbumina o le globuline plasmatiche, che ne condizionano lescrezione biliare.

Per uso colecistografico orale, invece, si usano dei preparati insolubili in acqua, che si assorbono a livello intestinale con i sali biliari, vengono assorbiti dal fegato e riescreti a livello biliare. Infine, per losservazione della Qual è lerosione della ghiandola prostatica, esistono dei particolari mezzo di contrasto oleosi. Gli effetti collaterali del mezzo di contrasto sono diversi, sia in relazione al loro potere osmotico sia per la possibilit di creare reazioni di ipersensibilit, che infine per le loro propriet farmacologiche.

Luso di mezzo di contrasto non ionico riduce di circa 6 volte lincidenza di effetti collaterali gravi, in misura maggiore nei pazienti allergici. Il mezzo di contrasto spesso si lega alle proteine plasmatiche producendo uno spostamento nel plasma di sostanze endogene normalmente veicolate dallalbumina. Alcune evidenze cliniche indicano inoltre come meccanismo probabile la liberazione di istamina e lirritazione del sistema neurovegetativo. Non esiste una prevenzione di questi effetti, se non luso, nei soggetti con precedenti allergici, di cortisone e antistaminici per qualche giorno prima dellesame.

Una immagine digitale, invece, fatta da una serie di punti di dimensione finita che approssimano la realt dellimmagine analogica. Alcune tecniche radiografiche utilizzano immagini digitali, acquisendole primitivamente in questo modo o digitalizzando immagini analogiche preesistenti, allo scopo di poterle utilizzare per molteplici tipi di elaborazione. Parametri di questa sono il voxel, ossia le unit di volume che vengono utilizzare in fase di acquisizione dellimmagine, e il pixel, ossia la dimensione della pi piccola unit di spazio bidimensionale che, nellimmagine finale, ha la stessa tonalit e intensit di colore.

Limmagine formata da una successione di pixel, come in un mosaico, e quanto pi piccoli sono questi maggiore la sua risoluzione. La risoluzione si indica come il numero di pixel che compongono il lato dellimmagine, sempre quadrata.

Ogni pixel ha naturalmente la possibilit di essere di pi colori, e il numero di colori che pu essere assunto da ogni pixel detto profondit di colore dellimmagine. Si hanno varie profondit: bianco o nero 4 grigi 8 grigi 16 grigi colori colori formato standard in radiologia digitale Qual è lerosione della ghiandola prostatica formato standard per la TC computerizzata colori formato immagini fotografiche 16,77 milioni di colori formato true color, in uso in informatica.

Essa combina la tecnica della semplice tomografia con lutilizzo del computer, che esegue una analisi sia nel processo di acquisizione che in quello di ricostruzione dellimmagine stessa. Questo procedimento consiste a grandi linee nellirraggiare la superficie corporea interessata da varie angolazioni, osservando lattenuazione che il segnale di raggi X subisce. Il computer calcola, attraverso un complesso algoritmo, lattenuazione dovuta alle singole regioni di Qual è lerosione della ghiandola prostatica che formeranno poi i pixel dellimmagine.

Maggiore il numero di queste regioni di spazio considerate, maggiore sar la risoluzione dellimmagine. Il processo avviene con un movimento di rotazione e traslazione contemporaneo della sorgente rispetto allimmagine; oggi esistono tomografi con processi di movimento molto pi complessi.

Il valore di attenuazione rilevato dal macchinario come u coefficiente lineare di attenuazionee viene convertito in unit Hounsfield, ossia semplicemente in punti permillesimi in pi o in meno rispetto a quelli dellacqua. Questo valore dipende dalla densit del tessuto attraversato, ed quindi detto Qual è lerosione della ghiandola prostatica densitometrico.

Si ottiene cos una scala di lettura di questo tipo: osso sangue, fegato parenchimi sostanza bianca e grigia 0: Qual è lerosione della ghiandola prostatica grasso.

Il tomografo computerizzato un apparecchio che ha subito notevoli evoluzioni ad esempio il tempo necessario alla scansione passato da diversi minuti dei primi modelli a pochi secondi dei pi recenti. E composto da: Tavolo porta paziente motorizzato e comandabile a distanza Tunnel di scansione, con la sorgente di emissione e i collimatori del fascio Cellule di acquisizione dei dati e detettori del fascio emergente Computer di calcolo dei dati acquisizione e ricostruzione dellimmagini procedono simultaneamente Consolle di comando Stampante e memoria di massa per riproduzione e archiviazione dellimmagine Esistono molti tipi di tomografi, che variano nella possibilit, essenzialmente, di ottenere una rotazione continua attorno al paziente e quindi di effettuare la scansione in tempi minori magari torace e addome in una unica apnea.

Esecuzione della tomografia Si parte sempre da una immagine digitale panoramica detta anche immagine guida, ottenuta facendo scorrere il tavolo sotto il paziente, che permette di definire i limiti della successiva scansione.

Successivamente si esegue la scansione vera e propria, diretta o dopo mezzo di contrasto, con varie tecniche: Ricostruzione 3d di singoli strati di tessuto Acquisizione di immagini seriate contigue, con ricostruzione 3d successiva: questo processo pi rapido, e permette di valutare una serie di fette in un tempo breve, sfruttando ad esempio la massima opacizzazione del mezzo di contrasto.

Acquisizione ripetuta a brevi intervalli di un singolo strato, ad esempio per osservare la diffusione del mezzo di contrasto nel tempo Acquisizione volumetrica con tecnica spirale, molto pi rapida, che permette ad esempio la vista di uno spazio esteso in una singola apnea. La tecnica spirale permette di ricostruire le immagini in qualunque punto allinterno del volume della singola scansione. La ricostruzione 3d delle immagini, ottenuta con immagini ad Qual è lerosione della ghiandola prostatica risoluzione e tecniche di calcolo complesse, pu ottenere la visualizzazione estremamente precisa delle strutture interne, fino a raggiungere risultati paragonabili a quelli dellendoscopia endoscopia virtuale ; importante anche la ricostruzione 3d di ossa e articolazioni, di vasi utilizzando contemporaneamente la TC e langiografia angiografia TC.

A questo proposito, esiste nella TC un elevato uso di mezzo di Qual è lerosione della ghiandola prostatica, nonostante la tecnica sia di per s ad alta risoluzione.

E una tecnica estremamente versatile, semplice e di scarsissimo costo, ma che ha fra gli svantaggi la sua scarsa risoluzione e soprattutto la necessit di una interpretazione immediata e operatore dipendente del risultato lunico che capisce una ecografia per bene chi la fa!

Lassenza di ogni rischio biologico in pratica e la validit e rapidit diagnostica la pongono come una tecnica diagnostica di approccio e di screening indispensabile. Basifisiche Si utilizza un fascio di ultrasuoni variabile a seconda degli strumenti fra 1 e 20 MHzl, prodotti sfruttando le oscillazioni di alcuni materiali eccitati da frequenze elettriche appropriati. Ogni mezzo materiale attraversato da questi ultrasuoni che non si propagano nel vuoto si oppone al loro passaggio con un diverso valore di impedenza acustica.

Il gel che si spalma sulla cute Qual è lerosione della ghiandola prostatica su cui si appoggia lecografo serve ad eliminare laria fra la pelle e la sonda. Quando gli ultrasuoni sono riflessi dai tessuti, vengono recepiti dalla stessa sonda che un cristallo piezoelettricoche subisce il Qual è lerosione della ghiandola prostatica inverso: nellemissione dei raggi, la corrente stimola il cristallo che produce ultrasuoni, nella ricezione di essi il cristallo viene Qual è lerosione della ghiandola prostatica dagli ultrasuoni e produce una corrente elettrica che viene interpretata come segnale.

Maggiore la frequenza del fascio, tanta la risoluzione dellimmagine che viene fuori dallecografo: per Qual è lerosione della ghiandola prostatica alte frequenze aumenta anche lassorbimento, quindi il fascio non pu entrare nei tessuti in profondit e questa tecnica va bene solo per analisi superficiali. Interpretazionerisultati Lecografia pu essere effettuata in A-mode, in TM-mode o in B-mode: Amplitude mode: lesplorazione effettuata lungo una sola linea, e risulta appunto una linea come quella di un tracciato elettrocardiografico.